Home » Dossier » Barack Obama a Cuba (+FOTO)

Barack Obama a Cuba (+FOTO)

Share Button

Foto: TTC

Circa 50 mila persone si riunirono nello Stadio Latinoamericano dell’Avana per vedere uno dei giochi di baseball più importanti dell’anno, in presenza dei presidenti degli Stati Uniti, Barack Obama, e di Cuba, Raúl Castro.

Entrambi i capi di Stato condivisero approssimativamente le prime tre entrate del gioco, accompagnati dalle delegazioni ad alto livello dei due paesi.

Il gioco trascorse con una grande animazione da parte dei tifosi di entrambe le squadre, e anche se la selezione cubana perse quattro a uno, si mantenne la buona energia fino all’ultimo out.

Previo all’inizio del partito, gli assistenti fecero un minuto di silenzio per le vittime degli attentati accaduti a Bruxelles, capitale del Belgio, in ore della mattina.

Dopo la partenza dal gioco di baseball, Barack Obama si diresse all’Aeroporto Internazionale José Martí da dove partì verso l’Argentina per una visita ufficiale di due giorni.

Durante la sua ultima giornata nella maggiore delle Antille, il presidente nordamericano si rivolse al popolo cubano dal Gran Teatro Alicia Alonso, dove affermò: “Chiederò al Congresso degli Stati Uniti di eliminare l’embargo.” Lì elogiò la capacità dei cubani di sovrapporsi a situazioni difficili per migliorare le condizioni del loro sviluppo, e scherzò al riguardo dicendo “il cubano inventa nell’aria”, molto a tono con la giocosità che caratterizza al popolo dell’Isola.

Riferì che la vecchia politica ostile della Casa Bianca non era oramai effettiva, da lì la proposta di cambiamento nelle relazioni bilaterali che entrambi i governi hanno accettato, e assicurò che non ha intenzione di imporre cambiamenti al popolo cubano, il quale deve scegliere il proprio destino.

“Il futuro di Cuba dev’essere nelle mani del popolo cubano”, concluse.

Durante il suo soggiorno all’Avana, Obama percorse, insieme alla sua famiglia e alla comitiva che lo accompagnò, posti storici della città, degustò la cucina cubana in un piccolo ristorante privato chiamato San Cristobal, si riunì con il presidente Raúl Castro e rese omaggio all’Eroe Nazionale José Martí.

Share Button

Commenti