Home » Turismo » L’Avana, città meraviglia
Palmares-Varadero Gourmet

L’Avana, città meraviglia

Morro-Avana
In occasione della Fiera Internazionale del Turismo FitCuba 2016 all’Avana, sede dell’incontro, TTC propone un avvicinamento a quest’abbagliante urbe, capitale di una delle principali destinazioni dei Caraibi.

Degna del riconoscimento ottenuto di Città Meraviglia del Mondo, L’Avana raggruppa quindici comuni e funge inoltre come capitale del paese. Fondata da Diego Velázquez con il nome di Villa di San Cristóbal de La Habana, si riconosce ufficialmente inaugurata il 16 novembre 1519 (nell’attuale posizione), anche se era abitata già dal 1514.

Per difenderla dai frequenti assalti dei pirati, la Metropoli spagnola iniziò il più complesso e poderoso sistema difensivo delle Americhe dal XVI al XIX secolo: antiche fortezze ammirate oggi dai visitatori locali e stranieri.

Il complesso architettonico del Centro Storico della capitale e il suo sistema di fortificazioni sono stati riconosciuti come Patrimonio Culturale dell’Umanità nel 1982, in quanto considerati come rappresentativi del tipo di strutture edificate in un importante periodo storico e come esempio eccezionale d’insediamento umano tradizionale rappresentativo di una cultura.

Nella capitale si concentrano ministeri, organi nazionali di governo, sedi diplomatiche, filiali di aziende straniere, i principali ospedali, istituti di ricerca e organizzazioni culturali, sportive e commerciali.

L’infrastruttura turistica si appoggia sulla maggiore pianta alberghiera del paese (22%), circa 80 hotel che raggruppano oltre 10 mila camere; completa l’offerta un’ampia rete di circa 300 ristoranti e “paladares” e innumerevoli attività commerciali, ai quali vanno aggiunti la Marina Internacional Hemingway, la Base Nautica di Tarará e tre centri internazionali per le immersioni.

Principale piazza culturale di Cuba, l’Avana ospita più di un centinaio di musei e altrettante gallerie d’arte, centri e spazi espositivi, studi, laboratori e negozi specializzati in opere d’arte. Il Museo Nazionale delle Belle Arti espone, nelle sedi dedicate all’Arte Cubana e Universale, importanti collezioni proprie e mostre temporanee. La Necropoli di Colón, Monumento Nazionale e principale cimitero dell’Isola, è considerata una delle più degne di nota d’America e del mondo.

Anche la danza – il Balletto Nazionale di Cuba, la Danza Contemporanea, il Complesso Folklorico Nazionale – e il teatro sono veri protagonisti; diverse compagnie teatrali salgono sui palcoscenici di oltre mezzo centinaio di teatri, sale e cine-teatri, tra questi il Gran Teatro de La Habana “Alicia Alonso” il Karl Marx il Teatro Nacional, il Mella, El Sótano o l’Hubert de Blank.

L’Avana notturna è senz’altro uno dei maggiori attributi di questa città. Circa 40 centri notturni, tra cui il Gato Tuerto, il Salón Rojo, il Parisién, il Copa Room, il Turquino, l’Habana Café, le casas de la Música, la Zorra y el Cuervo e altri. Menzione speciale merita uno dei cabaret più famosi del mondo, Tropicana, “Un paradiso sotto le stelle”, sul suo scenario si sono presentate, dagli anni 40, personalità storiche del mondo dello spettacolo e che ancora oggi continuano ad affascinare con le loro fastose e scintillanti produzioni.

La città è divisa in diversi quartieri, dai più antichi come L’Avana Vecchia, ai più moderni: El Vedado e Miramar. Verso l’est, dall’altra parte della baia, L’Avana dell’Est cede posto alle Spiagge dell’Est –  Bacuranao, Tarará, Mégano, Santa María del Mar, Boca Ciega e Guanabo. A ovest si trova un vero e proprio polmone verde formato dai parchi suburbani come il Parco Lenin, il Giardino Zoologico Nazionale e il Giardino Botanico, che costituiscono un mondo naturale.

Principale destinazione turistica dell’Isola, la capitale riceve circa il 50% dei turisti stranieri in visita a Cuba, la maggior parte in arrivo dall’aeroporto internazionale “José Martí”, il più importante del paese.

PRINCIPALI PIAZZE DELL’AVANA

Piazza delle Armi

Primogenita piazza della capitale, la sua esistenza risale allo stabilimento originario della Villa, anche se acquisì la sua forma definitiva solo alla fine del XVI secolo. Circondata da El Templete (il tempietto) – ubicato nel luogo esatto in cui fu fondata la città – dai palazzi del Segundo Cabo e dei Capitani Generali, oggi Museo della Città, dal Museo Nazionale di Storia Naturale, dall’Hotel Santa Isabel, e il Castello della Real Fuerza.

Piazza della Cattedrale

Attorno a questa famosa piazza dell’Avana Vecchia, scenario oggi di cene e di spettacoli all’aperto, s’innalzano ancora le mansioni delle antiche famiglie patrizie della città e la bellissima Cattedrale.

Piazza di San Francesco d’Assisi

Originariamente era uno dei punti più vitali della città. Deve il suo nome al Convento San Francesco d’Assisi, la cui basilica minore è oggi sala per concerti, costruito nel XVIII secolo.

Oltre alle case dell’aristocrazia habanera, si aggiunsero, nel XX secolo, la Lonja del Comercio e la Aduana (Dogana).

Piazza Vecchia

Centro fondamentale del commercio e area residenziale della città fino al XVIII secolo, è circondata dalle residenze dei conti Lombillo e del Jaruco, dal Planetario Astronomico, dalla Camera Oscura, dalla Factoría (che produce Birre e Malto), dal Café Escorial e dalla Taberna Benny Moré, deve la sua immagine attuale all’opera di restauro eseguita.

Piazza della Rivoluzione

Legata a doppio filo alla storia più recente, è stata più volte testimone di grandi concentrazioni popolari e di avvenimenti, come la manifestazione per celebrare la terminazione della Campagna di Alfabetizzazione, le messe ufficiate rispettivamente da Papa Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco durante le loro rispettive visite a Cuba nel 1998, 2012 e 2015 o il Concerto Pace senza Frontiere del cantante colombiano Juanes e dei suoi invitati, che radunò oltre un milione di spettatori nel 2009.

Il complesso monumentale, concluso nel 1959, è formato da un obelisco a sezione stellata la cui sommità, a 139 metri sul livello del mare, rappresenta il punto più elevato della città. Alla base dell’obelisco si erge la statua di José Martí, che custodisce l’ingresso al Memoriale e funge da museo e galleria d’arte.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.