Home » Affari » Commercio estero cubano: diversificare la produzione e accedere a nuovi mercati
Palmares-Varadero Gourmet

Commercio estero cubano: diversificare la produzione e accedere a nuovi mercati

Foto: TTC.

Di: Dott.ssa. Marina Menéndez Quintero, analista specializzato in America Latina e Caraibi

Dopo il colpo che la piaga del COVID-19 ha inferto al commercio estero dell’isola, Cuba si sta impegnando per promuovere e diversificare le esportazioni. A tal fine consolida gli attuali legami commerciali, certifica nuove produzioni e cerca di affermarsi in altri mercati, mentre nuovi attori irrompono nel loro quadro economico e commerciale, che potrebbero arricchire la varietà dei prodotti esportabili e, soprattutto, favorire lo sviluppo territoriale: questo costituisce uno scopo fondamentale per una società come quella cubana, che cerca la sua sostenibilità.

Su questi temi TTC ha parlato con Vivian Herrera Cid, Direttore Generale del Commercio Estero del Ministero del Commercio Estero e degli Investimenti Esteri di Cuba.

Quale impatto hanno avuto su Cuba le conseguenze della pandemia?

—La pandemia ha colpito tutte le economie del mondo. Cuba non fa eccezione.

“L’impatto della pandemia ci ha colpito duramente perché molti beni di importazione e di esportazione hanno ridotto il loro ciclo di rifornimento, innanzitutto a causa dell’enorme contrazione subita dalla logistica internazionale. Porti e fabbriche sono rimasti paralizzati a causa del lockdown imposto dal virus.

“Questa diminuzione delle operazioni è stata visibile soprattutto in Asia, nei cui Paesi sono stati segnalati i primi casi di malattia e dove abbiamo instaurato, appunto, molti rapporti commerciali.

Poi è iniziata l’ascesa del trasporto merci internazionale che ha raggiunto un’escalation mai vista. Ad esempio, un container di merce è arrivato a costare da quattro a cinque volte il prezzo che aveva.

“Cuba, con tutte le mancanze che soffre e appesantita, inoltre, per l’inasprimento del blocco e le 243 misure restrittive messe in atto nei suoi confronti dall’amministrazione Donald Trump, ha subito gli effetti della pandemia in forte tensione.

“I nostri scienziati ci hanno salvato perché hanno creato vaccini che ci hanno immunizzato. Ma bisogna anche parlare di quegli eroi che hanno lavorato instancabilmente nel commercio estero per portare tutti i rifornimenti necessari.

“È stato molto teso, con pochissime risorse, perché le nostre risorse finanziarie ottenute dall’export provengono essenzialmente dai settori della salute e del turismo e l’attività turistica è stata completamente paralizzata.

«Con un export di servizi sensibilmente ridotto e, quindi, con minori risorse finanziarie, si è reso necessario affrontare l’acquisto di ventilatori polmonari, ad esempio.

“A seguito dell’inasprimento del blocco, è stato necessario importare e assumere da paesi molto lontani, anche se non dimentichiamo la solidarietà di molte nazioni che ci hanno inviato risorse mediche”.

Come si è comportata la bilancia del nostro commercio estero l’anno scorso?

—Le esportazioni di merci sono cresciute del 17% in valore rispetto a dicembre 2020, condizionate dall’aumento dei prezzi di vendita del nichel e dei suoi manufatti, dei prodotti farmaceutici e del tabacco.

Le esportazioni di servizi sono diminuite sensibilmente rispetto a dicembre 2020, condizionate dalla riduzione dei servizi turistici dovuta alla situazione epidemiologica. Tuttavia, i servizi sanitari assumono un ruolo maggiore nelle esportazioni.

Quando è arrivata la pandemia, lo scopo di Cuba di rafforzare tutte le forze produttive era già stabilito, il che ha portato all’emergere di nuovi attori economici. Chi sono questi attori e quanto potrebbero rappresentare per rilanciare l’economia nazionale?

—Da agosto 2020 è stato approvato un corpo normativo con quattro norme fondamentali emanate dai Ministeri delle Finanze e dei Prezzi, dell’Economia e della Pianificazione, dalla Banca Centrale di Cuba e dal Ministero del Commercio Estero e degli Investimenti Esteri, che stabiliscono il lavoro delle società commerciali straniere nel fornire servizi di importazione ed esportazione anche alle forme di gestione non statali.

«Nel nostro raggio di attenzione ci sono i micro, piccole e medie imprese (MIPYMES –sigle dallo spagnolo), che costituiscono una di quelle forme di gestione non statale, così come i lavoratori autonomi (privati), le cooperative di tutti i tipi, i creatori, i contadini indipendenti, tra gli altri.

“Tutti questi attori hanno la possibilità di vendere le loro produzioni, siano esse di servizi o beni, a enti autorizzati al commercio estero, in modo che svolgano per loro attività legate al commercio estero.

“Queste società statali sono fornitori di servizi; si recano all’estero per appaltare e pagare forme di gestione non statale dei prodotti o servizi concordati, nel caso di esportazione, e acquistano da loro nel caso di importazione. Cinquantanove entità statali sono autorizzate a svolgere questi servizi.

Ad oggi sono 10.792 i contratti stipulati da queste società statali con queste forme di gestione non statale.

“Nel caso delle esportazioni, i contratti ammontano a 199. Questa non è una cifra significativa in relazione al numero totale di contratti di commercio estero esistenti, ma valutiamo come positiva questa attività, che contribuisce alla diversificazione dei prodotti di esportazione di Cuba e, soprattutto, allo sviluppo territoriale, qualcosa su cui bisogna lavorare consapevolmente.

“Per quanto riguarda in particolare i contratti di importazione, questi sono molti input di cui le nostre forme di gestione non statale hanno bisogno per ricostituire e mantenere le loro attività. Forniscono un servizio alla popolazione. Ma quel rifornimento è anche produrre per l’esportazione. Questi ammontano a 10.484.

“Ci sono 109 contratti di vendita online, che non costituiscono contratti di esportazione perché parliamo di un commercio elettronico, dove le merci non attraversano i confini.

“Inoltre, è importante che vengano stabilite importanti alleanze con alcune società statali e alcuni poli di produzione export.

“Contemporaneamente si stanno realizzando azioni di formazione per produttori e aziende dei territori, perché possano intraprendere efficacemente questi processi, che sono nuovi per questi attori”.

In quali aree sono maggiormente sviluppate queste attività?

—Per lo più, si trovano nel settore agricolo. L’esportazione è un’attività complessa e per farlo da questo settore è necessario rispettare requisiti come la certificazione dei terreni e normative fitosanitarie che tutelano la produzione, affinché le esportazioni rispettino gli standard di sicurezza alimentare per loro essenziali per consentire a questi prodotti di accedere ad altri mercati. Alcuni di loro sono molto esigenti, come quelli dell’Unione Europea e del Canada.

Come stanno procedendo le alleanze delle imprese e dei poli produttivi con attori non statali e la loro possibilità di partecipare al commercio estero?

—Ad esempio, l’azienda Ceballos Agroindustrial, a Ciego de Ávila, è un polo produttivo di esportazione dedicato principalmente alla frutta raccolta e lavorata, ed è associata a un importante gruppo di forme di gestione non statali come gli agricoltori e le cooperative della stessa provincia o territori limitrofi. Questi stanno contribuendo con le loro produzioni a sostenere i mercati di esportazione e, allo stesso tempo, ne stanno beneficiando.

La creazione e il consolidamento dei Poli Produttivi Esportatori costituisce un asse centrale nell’attenzione ai territori. A Cuba sono stati individuati 15 poli di produzione export, ad oggi ne sono stati creati dieci; di questi, tre nel mese di dicembre 2021.

Finora si può notare che otto delle province del territorio nazionale hanno almeno un Polo Produttivo Export, di cui stiamo incoraggiando le alleanze con i nuovi attori, oltre a attribuire loro poteri e nomenclatura per l’export.

Tra questi ci sono l’azienda agroindustriale Victoria de Girón, a Jagüey Grande, Matanzas; l’azienda di lavorazione del caffè Asdrúbal López, di Guantánamo; l’azienda Agroforestal e Coco Baracoa, della stessa provincia; la società mista Tropical Contramaestre, a Santiago de Cuba; l’azienda meccanica Holmeca, di Holguín; l’azienda cerealicola agroindustriale Sur del Jíbaro, a Sancti Spíritus; l’azienda Acopio, di Cienfuegos e l’azienda agroforestale Costa Sur.

D’altra parte, sette province, compreso il comune speciale di Isla de la Juventud, non hanno ancora poli produttivi di esportazione.

Le aziende che possono diventarlo sono l’agroalimentare Jesús Montané Oropesa, di Isla de la Juventud; l’azienda agroindustriale Enrique Troncoso, di Pinar del Río; Industrie Locali Varie, di Mayabeque; la Valle del Yabú, in provincia di Villa Clara; Cítricos Sola, di Camagüey, l’Azienda Agricola Integrale di Las Tunas e l’Azienda Agricola Fernando Echenique, di Granma.

Quali altri passi vengono presi per ampliare la gamma delle esportazioni?

—Stiamo inoltre lavorando per la certificazione dei nostri prodotti esportabili nei nuovi mercati, nonché all’ampliamento della certificazione di nuovi prodotti nei mercati in cui eravamo già presenti, come nel caso della Cina. La nostra aragosta è stata certificata lì, ma ora possiamo vendergli 14 prodotti ittici.

Non ci fermiamo al lavoro per diversificare le nostre produzioni e accedere, in generale, a nuovi mercati.

“Anche la revisione degli accordi di portata parziale e degli accordi di integrazione economica stabiliti con i paesi della regione sta iniziando con l’obiettivo di rafforzare le nostre relazioni bilaterali.

“E allo scopo di facilitare i collegamenti e la creazione di accordi, stiamo costruendo una finestra unica per il commercio estero la cui piattaforma è già sul web https://vuceregulaciones.minex.gob.cu/

“Oggi abbiamo in funzione la piattaforma consultiva dove appariranno tutte le procedure e i regolamenti che disciplinano il commercio estero di Cuba, in modo che qualsiasi potenziale partner possa consultare quella pagina, a cui molti hanno già avuto accesso.

«Tutte quelle procedure che oggi si fanno su carta e di persona possono essere svolte attraverso questa finestra elettronica, che consentirà anche ai suoi utenti di sapere a che punto sono le loro pratiche.

“Questo è uno sforzo importante che stiamo facendo insieme all’UNCTAD attraverso una donazione di risorse finanziarie dall’Unione Europea, e che non solo faciliterà il commercio, ma renderà anche trasparenti le sue operazioni, che è uno degli standard internazionali richiesti dal commercio internazionale”.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.