Home » Turismo » Dai cambiamenti climatici rischio siccità per i Caraibi
Palmares-Varadero Gourmet

Dai cambiamenti climatici rischio siccità per i Caraibi

Cambiamenti climatici, Caraibi

Le isole caraibiche rischiano di avere in un futuro assai prossimo problemi di approvvigionamento di acqua potabile. L’allarme parte da una conferenza internazionale che si è svolta a St. Lucia: ha messo a confronto esperti del clima, rappresentanti delle Nazioni Unite e amministratori locali.

Il rischio deriva da due fattori: l’innalzamento dell’acqua del mare dovuto al riscaldamento globale del pianeta, che potrebbe contaminare le falde sotterranee di acqua dolce (principale fonte di approvvigionamento per molti Paesi caraibici), e le trasformazioni del clima che sarà sempre più secco, con precipitazioni di tipo temporalesco che non aiutano a ripristinare le falde peraltro già sotto stress a causa dell’eccessivo prelievo dai pozzi.

Secondo uno studio del 2012 della società britannica Maplecroft, specializzata nell’analisi dei rischi, Barbados è l’isola nella situazione più critica: è 21° in un elenco di 168 Paesi che hanno una domanda d’acqua superiore alle possibilità di approvvigionamento; preoccupanti anche le posizioni di Cuba e Repubblica Dominicana, rispettivamente al 45°e 48° posto.

Tra le soluzioni possibili, le più efficaci riguardano la costruzione di impianti di desalinizzazione dell’acqua marina e una migliore gestione delle risorse idriche esistenti. Sono contromisure che richiedono investimenti ingenti, spesso oltre la portata di economie nazionali gravate dal debito e con scarse possibilità di introiti.

Qualcosa, peraltro, sta iniziando a muoversi. Jamaica e Trinidad hanno varato il razionamento dell’acqua potabile: altrettanto ha fatto Barbados, che ha iniziato a usare acqua riciclata per le toilette dell’aeroporto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.