Home » Turismo » Gastronomia e turismo: un’alleanza di successo
Palmares-Varadero Gourmet

Gastronomia e turismo: un’alleanza di successo

Gastronomia e turismo: un'alleanza di successo
Nel contesto del Festival Internazionale Varadero Gourmet 2017, recentemente celebrato, si presentò nuovamente la Cattedra Cubana di Gastronomia e Turismo che acquisisce funzioni di organo coordinatore al fine di migliorare la qualità del prodotto turistico cubano.

Così lo spiegò Isabel Montoro, direttrice di Operazioni del Mintur, affermando che “oltre alla sua missione principale di concepire ed effettuare attività scientifiche, di ricerca, educative e culturali che propizino preservare l’autenticità, i valori identitari e l’adeguata promozione della gastronomia cubana, si è deciso di aggiudicargli carattere di organo coordinatore per fomentare azioni di formazione e istruttive per il personale legato all’elaborazione e servizi di alimenti e bibite.

Per raggiungere quell’obiettivo espose la funzionaria – si lavorerà collegialmente con i differenti organismi, entità, istituzioni ed organizzazioni che hanno come oggetto sociale la commercializzazione del prodotto turistico e gastronomico nel paese, così come i responsabili di questo tipo di insegnamento specializzato.

La direzione della cattedra fu assegnata a Jorge Méndez Rodríguez. Arencibia, specialista con la richiesta qualificazione professionale ed esperienza di lavoro nel settore, sia in economia sia accademicamente. Vanta un diplomato in Direzione di Ristoranti e in Direzione ed Alta Gestione di Cucina nella Scuola di Alti Studi di Hotelería e Turismo; inoltre, un corso di post laurea in Gestione Alberghiera, e ha pubblicato vari libri. Legato alla docenza da 1973 e al settore del Turismo da 1985, ha occupato differenti cariche relative alla Gestione di Alimenti e Bibite, come dirigente e specialista in strutture alberghiere ed entità turistiche a Cuba e Messico.

Definendo la missione della Cattedra, affermò Méndez che “dedicherà speciale attenzione a collaborare con la formazione e l’istruzione del personale destinato alla nostra industria dell’ospitalità, sia per il settore statale sia per cooperative e stabilimenti non statali. Ugualmente, avvierà sforzi per promuovere e spingere il consolidamento del turismo, senza perdere la prospettiva che Cuba non è un bazar, spenditore di merci negoziabili con il consenso dei visitatori. Richiediamo commercializzare, ovviamente, così come cultura dello sviluppo civilizzato; ma compromessi con l’autenticità e un’onesta espressione di cubanità che meriti essere riconosciuta.
In questo senso, fece riferimento alle le principali azioni che si sviluppano attualmente per compiere detto proposito: il lavoro nsieme alla Federazione di Associazioni Culinarie della Repubblica di Cuba nella proposta alla Commissione di Patrimonio Culturale del Ministero di Cultura affinché la cucina tradizionale cubana sia dichiarata Patrimonio Nazionale.

Ugualmente, con l’appoggio dell’Associazione di Baristi di Cuba, si trova già in fase di raccolta l’informazione e gli argomenti richiesti per la valutazione del conferimento al paese della condizione di Capitale Ibero-americano dei Cocktail, la quale sarà presentata all’Accademia Ibero-americana di Gastronomia, entità regionale che avallò già la Cattedra così come la Reale Accademia di Gastronomia Spagnola.

Coesione fu la parola usata dall’esperto per riassumere le aspirazioni di questa organizzazione che ora prende nuove sfumature a beneficio della gastronomia ed il turismo nazionale. “Richiediamo, pertanto, da tutti coloro che scommettono su Cuba come posto dove il mondo desidera prenotare un tavolo, la concordia di interessi e propositi integratori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.