Home » Continente Turismo News » I dati del turismo mondiale fino al 2018 in anteprima a TTG Incontri
Palmares-Varadero Gourmet

I dati del turismo mondiale fino al 2018 in anteprima a TTG Incontri

ttg-incontri-2014

La situazione attuale e le previsioni di crescita del settore, i prodotti destinati a salire e quelli in calo, l’evoluzione delle modalità di acquisto, le future performance dei Paesi emergenti. A TTG Incontri quest’anno protagonista sarà anche il più noto social network mondiale: Facebook.

3 Settembre 2014 – Qual è e quale sarà a fine decennio la propensione alla spesa turistica dei Paesi emergenti?Da quali mercati avranno origine i flussi più cospicui di vacanzieri? E quali sono i prodotti di viaggio destinati ad avere successo da qui al 2018? Quali, invece, quelli in calo?

Queste ed altre risposte verranno fornite giovedì 9 ottobre, a TTG Incontri – la principale Fiera del Turismo b2b in Italia -, in occasione della WTM Vision Conference, appuntamento di richiamo e ormai consueto del calendario fieristico, organizzato in collaborazione con il World Travel Market di Londra e con il contributo dei dati mondiali sul turismo elaborati da Euromonitor, con previsioni fino al 2018.

Sotto la lente le future performance dei mercati emergenti, che collocano i viaggi al terzo posto tra i prodotti d’acquisto più ambiti, dopo le nuove tecnologie e l’abbigliamento. Con alcune interessanti evoluzioni sul fronte delle abitudini di consumo. A mano a mano che ci si avvicinerà alla fine del decennio infatti, i parchi nazionali registreranno un calo di interesse da parte dei viaggiatori che, invece, si dimostreranno ancora più interessati di oggi a crociere e turismo medico.

Nella rosa dei bacini di domanda in espansione, la Cina risulta essere non soltanto il Paese che nei prossimi cinque anni incrementerà  maggiormente i viaggi all’estero, ma si rivela anche il mercato con la più accentuata prospettiva di  crescita per quanto riguarda la spesa riservata ai viaggi oltre confine.

La seguono, anche se a lunghissima distanza, Russia, Arabia Saudita e Turchia. La prospettiva di una maggiore propensione alla spesa da parte dei turisti in arrivo dalla Cina incoraggia il comparto alberghiero che, ad oggi,  tratta con un mercato per lo più interessato alle strutture di costo medio o basso.

“L’orientamento alla sistemazione negli hotel di standard elevato rimane infatti una spiccata prerogativa del viaggiatore statunitense e messicano” mentre, come anticipa Angelo Rossini, online travel analyst di Euromonitor International, “a livello generale, le strutture che riscuoteranno il maggiore gradimento saranno quelle mid-price”. Sul fronte della ricerca e della vendita di prodotti turistici, proseguirà in modo deciso l’impennata degli smartphone, in netta preponderanza su tablet, laptop e desktop.

Le proiezioni WTM/Euromonitor non intravedono però che piccole variazioni per quanto concerne le vendite di viaggi online a livello globale, mentre risulta in più consistente ascesa la vendita dei prodotti di viaggio attraverso i canali tradizionali. L’Australia sarà il mercato in cui i pagamenti online registreranno un maggiore impulso nel prossimo quinquennio.

La seguiranno Singapore, Giappone, Norvegia e Danimarca. Le rilevazioni Euromonitor segnalano infine come l’industria dei viaggi sia, a livello globale, ormai matura e pertanto in fase di assestamento, con minime progressioni da qui al 2018 sia sul fronte del volume di viaggiatori movimentati che del Pil generato.

L’applicazione delle nuove tecnologie in diverse aree del settore potrebbe innescare però alcuni interessanti cambiamenti per quanto riguarda il modo di viaggiare: ad esempio il diffondersi tra i turisti delle tecnologie indossabili – quali gli ‘apple watch’ – potrà garantire in ogni momento informazioni in tempo reale sullo stato dei trasporti oppure sugli itinerari praticabili o sulle difficoltà momentanee generate da imprevisti.

Ci sarà inoltre un maggiore impiego degli ologrammi attraverso i quali, ad esempio negli aeroporti, sarà possibile creare assistenti virtuali a disposizione dei viaggiatori in difficoltà.

Lo stesso Giovedì 9 Ottobre dalle 17 circa a TTG Incontri si parlerà anche di Facebook grazie agli interventi di Francesca Capobianchi, EMEA SMB Marketing and Communications Executive e di Cinzia Borello, EMEA SMB Client Service Manager. L’ora di presentazione è stata strutturata in due parti volte ad approfondire la conoscenza e l’utilizzo legato al settore dei viaggi del più noto social network mondiale.

Il futuro del travel su Facebook: alcuni dati di una recente ricerca interna di come gli utenti utilizzano Facebook per tutte le fasi dell’organizzazione del viaggio. Strutturare la propria presenza su Facebook: aprire e mantenere una Pagina, iniziare le inserzioni e connettersi con i fan. Approfondimento su alcuni prodotti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.