Home » Noticias destacadas » Il Ministero del Turismo del Messico scommette su una nuova offerta turistica per ogni angolo dello Yucatan
Palmares-Varadero Gourmet

Il Ministero del Turismo del Messico scommette su una nuova offerta turistica per ogni angolo dello Yucatan

Michelle Friedman. Foto: Yucatan Travel/Sefotur.

In un’intervista esclusiva a TTC, il Segretario per lo Sviluppo del Turismo dello Stato dello Yucatan, Michelle Friedman Hirsch, commenta le principali azioni che si stanno portando avanti affinché lo Stato rimanga tra le principali destinazioni messicane e si ponga come punto di riferimento in termini di turismo durevole e sostenibile che promuove ed evidenzia le vaste attrazioni naturali, archeologiche e gastronomiche e l’identità culturale.

Di recente, durante il Tianguis Turístico de México, lo Yucatán è stato premiato da prestigiose pubblicazioni che ogni anno riconoscono il meglio del turismo, essendo questa destinazione la più premiata nei premi “Best of Mexico 2022” presentati dalla rivista México Desconocido*.

A questi premi si aggiungono quelli assegnati dai Travvy Awards, considerati gli “Academy Awards” del settore dei viaggi; e l’inclusione della magica città di Maní nell’elenco dei migliori villaggi turistici assegnato dall’Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO) nel 2021. 

Come sta andando la ripresa del settore turistico nello Stato dello Yucatan?

Stiamo andando molto bene, siamo felici di vedere gli indicatori crescere al di sopra di quanto avevamo previsto, ad esempio a marzo abbiamo avuto il più grande movimento di passeggeri nella storia dell’Aeroporto Internazionale di Mérida e a gennaio di quest’anno abbiamo avuto il maggior numero di turismo registrato da quando esiste un registro (Datatur 2004).

Abbiamo pensato, fin dall’inizio, che il 2022 fosse l’anno della ripresa, ma stiamo vedendo lo stato riprendersi molto rapidamente, la maggior parte degli indicatori ha già raggiunto livelli pre-pandemia, considerando che il 2019 è stato un anno record.

Foto: Yucatan Travel/Sefotur.

Attualmente, quali sono le principali attrazioni promosse?

Abbiamo implementato una strategia di diversificazione e decentramento dei prodotti per portare una nuova offerta turistica in ogni angolo dello Yucatan, diviso in sei regioni turistiche, e negli oltre 10 segmenti che lo Stato ha.

Abbiamo promosso molto nel segmento del sole e della spiaggia, della nautica, del turismo rurale e dei villaggi Maya, in prodotti come il percorso Mayab, così come abbiamo lavorato molto nel segmento del lusso, del romanticismo, della cultura e quest’anno diamo particolare importanza al segmento gastronomico con lo slogan “L’anno della gastronomia.

Valladolid. Foto: Yucatan Travel/Sefotur.

Quali strategie sviluppa il Ministero dello Sviluppo Turistico a favore del turismo sostenibile?

Sostenibilità è stata la parola chiave fin dall’inizio di questa amministrazione, tutto ciò che abbiamo implementato è sempre con l’obiettivo di essere sostenibili, non solo durevoli dal punto di vista ambientale – che per noi è molto importante – ma per il bene di preservare e rigenerare tutte le risorse, oltre alle risorse naturali, culturali e del patrimonio, per rendere il turismo responsabile, a lungo termine e inclusivo e, precisamente, la diversificazione e il decentramento hanno a che fare con l’essere sostenibile a lungo termine, che il turismo avvantaggi più persone e che non sia un fine, ma un mezzo per raggiungere uno sviluppo a lungo termine e responsabile per lo Yucatan.

Che ruolo gioca l’innovazione nello sviluppo turistico dello Yucatan?

L’innovazione è fondamentale per tutti i marchi e le destinazioni, la pandemia non ha portato qualcosa di nuovo, anzi, ha evidenziato l’urgenza di accelerare alcuni concetti, come digitalizzazione, biosicurezza e sostenibilità; In questo senso, lo Yucatán aveva già lavorato su molti temi di innovazione, la creazione di nuovi prodotti e nuove esperienze adattate al nuovo turista che si misura in modo personalizzato e non massivo, un turista che privilegia ciò che è su misura, autentico e organico, che è in spazi aperti e naturali. Lo Yucatan aveva già lavorato su questo e su un importante schema di digitalizzazione nei suoi schemi di promozione.

Foto: Yucatan Travel/Sefotur.

La destinazione ha recentemente ospitato eventi importanti come La Noche Blanca e il Rally Maya. Quali altri incontri sono previsti quest’anno di interesse turistico?

Stiamo scommettendo su eventi gastronomici, poiché è l’Anno della Gastronomia, perché questo è un elemento identitario per lo Yucatan, perché abbiamo tutto per essere una potenza gastronomica, una cucina antica che fonde molte culture, tra cui quella Maya e diverse europee, perché abbiamo un’ampia varietà di chef e cuochi di talento, una vasta gamma di ristoranti ed esperienze gastronomiche turistiche e ingredienti endemici che ci rendono unici.

In questo senso, avremo tanti eventi in casa e festival gastronomici di alto livello, anche internazionali, e incontri di cucina; così come le fiere gastronomiche locali e stiamo integrando questo, con la presenza del marchio e la promozione in altri mercati ed eventi al di fuori dello Yucatan per continuare il processo di ripresa del mercato.

Foto: Yucatan Travel/Sefotur.

Il 2022 è stato dichiarato da Sefotur come l’Anno della gastronomia yucateca. Quali azioni sviluppa in questo senso? Ci racconti dell’iniziativa “365 sapori nello Yucatan”.

Oltre a quanto ho accennato prima, creeremo nuovi prodotti ed esperienze turistiche attraverso percorsi, musei e altre allusioni alla gastronomia, per citare alcuni esempi, sono le esperienze negli allevamenti di api Melipona e di polpi, nel settore della raccolta del sale.

Porteremo anche eventi gastronomici locali e internazionali, per portare i sapori dello Yucatan attraverso ambasciatori nelle diverse fiere a cui partecipiamo, in eventi come il Balloon Festival a Guanajuato o il Morelia a Boca a Michoacán, oltre le maratone gastronomiche che stiamo effettuando in diverse città e daremo continuità alla campagna “365 giorni nello Yucatán” con una seconda tappa denominata “365 sapori dello Yucatán”.

Foto: Yucatan Travel/Sefotur.

Foto: Yucatan Travel/Sefotur.

Foto: Yucatan Travel/Sefotur.

Novità in merito alla connettività aerea e all’arrivo delle navi da crociera

Per noi la connettività è sempre stata fondamentale e ci abbiamo lavorato molto, sia via terra che via mare e via aerea, siamo felici che al momento abbiamo recuperato il 200% nella connettività internazionale, cioè attualmente abbiamo – con il nuovo rotta annunciata a TT de Flores (Petén), Guatemala- 8 rotte internazionali, 4 in più rispetto a prima della pandemia (4) e un recupero del 79% delle rotte nazionali.

Continueremo a lavorare per rafforzare ulteriormente questa connettività, ad esempio nel Tianguis annunciamo nuove rotte come quella per El Bajío, che è molto importante per noi, e la rotta per Flores, in Guatemala.

(*) Messico Sconosciuto

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.