Home » Noticias destacadas » Il turismo nei Caraibi durante quest’anno
Palmares-Varadero Gourmet

Il turismo nei Caraibi durante quest’anno

Il turismo nei Caraibi durante quest’anno

Le principali destinazioni dei Caraibi insulari mostrano, in generale, un recupero della depressione nell’arrivo di turisti, risultante dalle sequele fisiche, e dalla conseguente promozione negativa, provocate dagli effetti degli uragani che colpirono la regione poco più di un anno fa. Anche Cuba, che mantiene ancora cifre negative, ha continuato ad avvicinarsi ai livelli di esecuzione dell’esercizio anteriore.

La Banca Centrale di Repubblica Dominicana dichiarò che, da gennaio ad agosto di quest’anno, 4 644 049 visitatori non residenti entrarono al paese via aerea, per una crescita inter-annuale del 5,5% percento, rispetto ad uguale periodo del 2017. Di essi, 4 027 620 erano stranieri, un incremento del 4,3%; mentre i dominicani non residenti sperimentarono una variazione del +14,5%. IL principale mercato emittente furono gli Stati Uniti, con un 43,6% e, per regioni, furono l’America del Nord, 60,8%, l’Europa, 22,45%, l’America del Sud, 12,6%, l’America Centrale ed i Caraibi, 3,9%; ed il restante 0,3%, Asia ed il resto del mondo.

Cuba chiuse l’accumulato gennaio-agosto, con 3 268 878 visitatori internazionali (cifre non ufficiali), un 97,9%, in confronto al 2017. Sono a capo dell’emissione: Canada, Stati Uniti, Cubani residenti all’estero, Francia, Germania, Regno Unito, Italia, Spagna, Messico, Russia ed Argentina.

Le cifre provvisorie emesse dalla Jamaica Tourist Board indicano che, tra gennaio ed agosto 2018, il paese ricevette 2 955 007 visitatori, un aumento del 4,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Questi dati comprendono 1 714 060 visitatori e 1 240 947 passeggeri di crociere.

Di seguito, riassumiamo il comportamento del flusso turistico di altre destinazioni caraibiche, le cui ultime statistiche edite corrispondono a quelle della chiusura del primo semestre 2018:
· Secondo la notizia del Ministero di Turismo delle Bahamas, questo paese accumulò 3 402 870 arrivi in totale, per vie marittima ed aerea, +4,1% nella relazione 2018/2017.
· L’Autorità di Turismo di Antigua e Barbuda informò che questa destinazione mostrò la maggiore affluenza, in più di quindici anni, di visitatori, un aumento totale del 7% e del 11,6% in arrivi marittimi. Contemporaneamente, crebbero le principali emittenti: Stati Uniti, Canada, Regno Unito ed i Caraibi.
· Da parte sua, le Isole Caimano imposero un record accogliendo più di 1,3 milioni di visitatori, un aumento del 19,5%. La spesa combinata contribuì con più di 396 milioni di dollari, circa 55 milioni in più che nel 2017.
· Confermano cifre ufficiali che il Belize ricevette un totale di 269 502 turisti: +17,1% di fronte alle cifre del 2017. Ugualmente, l’accoglienza di 629 684 passeggeri di crociere implicò un aumento del 10,2%.

Mercato italiano in destinazioni principali dei Caraibi

Presentiamo un riassunto degli arrivi di turisti italiani ad alcune destinazioni dei Caraibi, secondo le statistiche disponibili alla chiusura editoriale. Come sempre ringraziamo l’abituale collaborazione del collega Giacomo Dilauro.

Il mercato italiano chiuse l’accumulato gennaio-agosto 2018 come settima emittente a Cuba, con 132 069 arrivi, 77,6%, al di sotto dell’esercizio precedente (cifre non ufficiali).

Il flusso di 58 065 visitatori provenienti dall’Italia che ricevette Repubblica Dominicana, da gennaio ad agosto 2018, ubicò il suddetto paese al sesto posto nel mercato europeo.

Secondo l’ultima notizia dell’Unità di Politica Migratoria della Segreteria di Governo di Quintana Roo, nel primo semestre 2018 approdarono a Cancún 47 942 turisti italiani, il che rappresentò un incremento del 15% rispetto al primo semestre 2017.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.