Home » Dossier » Presenza italiana per il mercato cubano dei trasporti e del turismo
Palmares-Varadero Gourmet

Presenza italiana per il mercato cubano dei trasporti e del turismo

Intervista al sig. Massimo Bonanno Presidente del Gruppo FINAUTO a Cuba

Oltre ad essere il vicepresidente della sezione italiana del Comitato Imprenditoriale Cuba Italia, il signor Massimo Bonanno presiede l’agenzia di viaggi Caribbean Diving Centres e l’impresa Finauto International a Cuba. In un’intervista a TTC ha spiegato le attività principali che le due entità svolgono sull’isola, in particolare a sostegno del settore turistico.

Il Gruppo FINAUTO, ha dichiarato il suo presidente a Cuba, oggi ha interessi rivolti verso diversi paesi, tra cui Italia, Panama, Spagna, Liechtenstein, Svizzera e Corea, e svolge due attività principali attraverso FINAUTO International e il Caribbean Diving Centers.

“Il nostro gruppo ha la sua sede centrale a Vaduz, in Liechtenstein, ma siamo imprenditori italiani e abbiamo compagnie indipendenti che fanno parte del Gruppo, in Italia –a Olbia, in Sardegna, Torino e Roma–, in particolare nel settore automobilistico. Tutte le aziende con sedi in diverse parti del mondo operano attivamente con Cuba.L’idea principale è quella di portare sempre più turismo a Cuba e fornire al mercato cubano prodotti competitivi per prezzo e qualità”, ha dichiarato.

FINAUTO International è il distributore per Cuba delle auto Kia e Ssangyong e degli autobus Daewoo. Nel 2012, ha venduto sull’isola 2.000 vetture Kia, la maggior parte di queste (1850 unità) al sistema turistico, soprattutto destinate al noleggio auto del gruppo Transtur, che comprende Cubacar, Havanautos e Rex. Fornisce, a sua volta, gli autobus Daewoo per il trasporto dei lavoratori nel settore del turismo, in particolare quelli dei Cayos di Villa Clara e per i lavoratori di Labiofam.

Bonanno ha aggiunto: “FINAUTO è anche il distributore a Cuba di importanti marchi italiani ed europei di attrezzature per officina. Nel 2012, ha venduto un pacchetto di attrezzature per officine meccaniche di ultima tecnologia al gruppo Transtur -Cubacar, che in questo momento si stanno assemblando nei laboratori Transtur dell’isola, a nostro avviso, favoriranno il sistema della qualità, la manutenzione e i servizi delle flotte di auto e omnibus Transtur”.

“Questo è molto importante perché contribuisce notevolmente a garantire la sicurezza stradale e l’efficienza di tutti i veicoli che operano nel settore del turismo… e ancora di più, è una garanzia per gli stranieri in visita a Cuba. Con il gruppo Kia, sempre in funzione di garantire la sicurezza dei turisti, si stanno applicando garanzie totali, globali, a tutti i veicoli Kia che vengono venduti qui sull’isola, a chilometraggio illimitato, per un minimo di due anni e un massimo di cinque”.

“Abbiamo quattro team di tecnici in entrambi i settori dei veicoli e delle officine, sempre in viaggio per tutto il paese per controllare il livello di qualità delle vetture vendute da FINAUTO che vengono noleggiate, e dell’equipaggiamento per le officine che viene utilizzato. Si tratta di un’assistenza post-vendita sistematica”.

Con riferimento al segmento turistico di cui si occupa direttamente Caribbean Diving Centers, l’agenzia di viaggi del Gruppo Finauto, con sede all’Avana, Bonanno ha dichiarato: “abbiamo firmato accordi con le compagnie aeree AirEuropa, AirFrance e Blue Panorama. È nostra intenzione promuovere la vendita dei viaggi aerei verso l’Europa a tariffe competitive e appoggiare in questo modo gli imprenditori italiani che si trovano a Cuba, in questo momento in cui Iberia ha smesso di collegare l’Isola all’Europa”.

“Inoltre, con Caribbean Diving, stiamo promuovendo la vendita in Italia, America Latina, Corea, Russia e Turchia di pacchetti la cui destinazione finale sono i cayos di Cuba. Sono mercati abbastanza nuovi e hanno un grande potenziale in questo paese. Siamo anche presenti sul mercato russo che non è una novità per Cuba”, ha riferito il presidente dell’agenzia.

“Quest’anno abbiamo festeggiato i 20 anni di presenza sull’isola. Io personalmente sono arrivato a Cuba, per la prima volta, il 13 ottobre 1993, in pieno Período Especial, e da quel giorno mi sono occupato dello sviluppo dell’industria automobilistica e del rafforzamento delle relazioni Italia-Cuba. Penso che abbiamo avuto buoni risultati; oggi i rapporti delle nostre imprese italiane con le aziende cubane sono più che mai positivi e siamo convinti che si possa continuare a lavorare per migliorare ulteriormente l’offerta per il paese e potenziare il turismo”, ha concluso Bonanno.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.