Home » Eventi » Rally Maya Messico: invito a percorrere la penisola dello Yucatan in un’auto d’epoca
Palmares-Varadero Gourmet

Rally Maya Messico: invito a percorrere la penisola dello Yucatan in un’auto d’epoca

Foto: Rally Maya Mexico.

Oltre ad essere un vero e proprio “museo su ruote, il Rally Maya Messico è anche un’occasione per conoscere la ricchezza naturale, culturale, gastronomica e archeologica del mondo Maya. A proposito delle origini dell’evento, del suo viaggio nel tempo e dei suoi principali risultati, Travel Trade Caribbean ha parlato con il suo CEO e fondatore, Benjamín de la Peña Mora.

Per questo appassionato di auto d’epoca, il Rally Maya Messico è un evento di turismo su strada che promuove la gastronomia, la cultura e la storia della Grande Rotta Maya della nazione azteca, una competizione che si è affermata come una delle più riconosciute al mondo nel campo delle auto d’epoca. 

Qual è stata l’origine del Rally Maya Messico?

Per tutta la vita ho amato le macchine. Abbiamo partecipato più volte a una gara di velocità, e in diverse abbiamo vinto nella nostra categoria. Da lì è nata l’idea di farlo anche nella penisola dello Yucatan, dove non ci sono pendenze né curve, e sarebbe un evento di regolarità, con velocità massime di circa 70 km orari; e non è necessario indossare un elmetto protettivo, né l’abbigliamento speciale contro incendi e ustioni.

Così è nata l’idea di promuovere gli sport motoristici nella penisola dello Yucatan, che non esisteva, né c’era un impegno o una predilezione per le auto d’epoca, con tanti esemplari che abbiamo in Yucatan e Campeche.

Siamo già all’ottava edizione. Per questa occasione abbiamo 120 vetture ed è stato un completo successo. Tanto che l’evento in Messico è uno dei più importanti al mondo, qualificato dalla Federazione Internazionale dell’Automobile e dalla Federazione Internazionale dei Veicoli Antichi.

Foto: Rally Maya Mexico.

Sono passati un decennio dall’inizio dell’idea e 9 anni dall’inizio del Rally Maya Messico …

Esatto, nel 2019 l’abbiamo sospeso a causa della pandemia. Sono passati poco più di 11 anni, a causa del tempo che abbiamo dedicato a progettarlo e implementarlo, con molta calma, in modo che fosse un evento con il livello che ora abbiamo. E spero di non siamo solo tra i primi 10, ma che siamo i primi al mondo; perché nella penisola dello Yucatan abbiamo siti archeologici, fiumi sotterranei, spiagge soleggiate, città molto antiche, e questo fa parte del fascino di ciò che facciamo. E ogni anno cambiamo rotta. Siamo a 2 anni dal raggiungere il primo percorso e fare di nuovo i primi tour che abbiamo fatto.

Non possiamo aumentare il numero delle auto perché siamo limitati dalla logistica alberghiera. Le persone provengono dal Centro America, dagli Stati Uniti, dal Canada, dall’Europa, dal Sud America, ed è una grande soddisfazione, perché in questo modo stiamo promuovendo la Penisola dello Yucatan nel mondo. 

Foto: Rally Maya Mexico.

Sembra ieri, quel 2013 in cui è iniziata la prima edizione…

Sì, sembra ieri. Lo abbiamo fatto, con la passione del motorsport, con la passione per il nostro luogo di origine, che è Cancun, che ci ha dato tanto, e vogliamo restituire qualcosa alla società. Tanto che all’interno del lavoro sociale che svolgiamo, all’inizio della mostra in Plaza Puerto Cancún, abbiamo consegnato 10 sedie a rotelle delle 50 che la Fondazione Alejo Peralta ci ha fornito, in modo da poterle consegnare durante tutto il tour.

Siamo anche in contatto con un ospedale di una fondazione americana che opera e produce protesi per bambini sotto i 18 anni e faremo da ponte. Allo stesso modo, l’azienda svizzera di orologi Franck Muller ci dà una percentuale di una delle sue vendite e la diamo ai bambini con Diabete di tipo I, e aiutiamo anche i bambini con sindrome di Down e bambini con autismo. Grazie alla Fondazione Oasis, teniamo anche un campo ogni anno, dove portiamo per un’intera settimana bambini da tutta la repubblica, 50 bambini affetti da Diabete di tipo I, e lì portiamo medici, nutrizionisti, formatori, e loro hanno un tempo incredibile.

Di solito percorrono tra 1.100 o 1.200 chilometri?

Ecco com’è. Il percorso più lungo era di 1.400 chilometri, che è stata la prima edizione. E avevamo carri molto vecchi. Ha partecipato una Ford del 1915 e non si è mai rotta. Tuttavia, le auto più recenti sono cadute per strada. Perché è una sfida, sia per le vetture che per i piloti.

L’evento è molto ben organizzato, così come la sua logistica. Portiamo medici, ambulanze, meccanici, sicurezza, ci accompagna la guardia nazionale, la polizia di stato. I miei rispetti a tutto lo staff che mi aiuta a realizzare questo grande evento.

Foto: Rally Maya Mexico.

Quali paesi partecipano a questa edizione?

Sono arrivate delegazioni da Portogallo, Svizzera, Olanda, Spagna, Italia. Da quest’ultimo paese arriva Prisca Taruffi, figlia di Piero Taruffi, pilota di Formula 1 che vinse la gara panamericana del 1951.

Provengono anche da Costa Rica, Ecuador, Panama, Perù, Colombia, Stati Uniti, Canada e 17 stati del Messico.

 Niente altro da aggiungere?

Grazie a tutti coloro che ci leggono e speriamo che possano essere qui per vedere questi gioielli del motorsport classico.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.