Home » Dossier » Speciale di TTC: Il turismo eccessivo spaventa l’Europa ma incoraggia i Caraibi
Palmares-Varadero Gourmet

Speciale di TTC: Il turismo eccessivo spaventa l’Europa ma incoraggia i Caraibi

Speciale di TTC: Il turismo eccessivo spaventa l'Europa ma incoraggia i Caraibi

Barcellona. Foto: boule13/123rf

Servizio TTC.- HOTREC, l’associazione europea di hotel, ristoranti e caffè, crede che solo con sforzi comuni e tenendo in conto gli interessi di tutte le parti, potranno trovarsi soluzioni comuni per garantire che il turismo continui ad essere un’attività sostenibile e vantaggiosa per tutti, perfino in destinazioni considerati troppo frequentati.

La suddetta organizzazione assunse una posizione sul cosiddetto “overturismo” dopo incidenti e misure prese per l’eccesso di visitatori in destinazioni tanto importanti come Venezia, Olanda e regioni della Spagna, tra altre.

Il tema preoccupa sempre di più città turistiche.

Gli esperti nella materia considerano che è l’interrelazione di vari fattori, quello che ha fatto che il tema del “overturismo” salga nell’agenda politica.

Le conseguenze per le destinazioni sono sempre più visibili, anche per il pubblico in generale, poiché appaiono in differenti notizie e le persone nelle destinazioni colpite le affrontano nella vita quotidiana.

“Speriamo di cooperare con tutte le parti incluse nell’UE e specificamente a livello nazionale, dove i nostri membri si vedono direttamente colpiti ma pronti a lavorare in soluzioni”, disse al giornale Christian di Barrin, CEO di HOTREC.

Uno studio in 2017 rivelò che le città europee che più soffrirono il suddetto fenomeno durante l’anno furono Barcellona,.. Amsterdam, Venezia, Nibbio, Budapest, Bucarest, Reikiavik, Mosca ed Atene.

Una gran parte dei problemi è direttamente in relazione con le crociere. Altri problemi derivano dalla brutta gestione del patrimonio ed i posti ambientali.

Tuttavia, nei Caraibi, i numerosi arrivi di turisti sono desiderati e non respinti come in altre parti del mondo. Le isole caraibiche sono economicamente molto dipendenti dai visitatori stranieri di ferie.

ell’area si lotta attualmente por un turismo sostenibile.

Il turismo massiccio fu sviluppato originalmente alla fine del secolo XIX nel Regno Unito da Thomas Cook chi fu pioniere nel concetto di viaggi accessibili in gruppo. Stabilendo relazioni tra gli operatori turistici, le imprese di trasporto ed gli hotel, Cook poté ottenere grandi sconti per volume in servizi di viaggio e trasferire quelli risparmi ai suoi clienti.

Il periodico The Guardian di Londra spiegò recentemente che, nei tempi moderni, spesso la frase si riferisce a pacchetti turistici economici, voli economici, resort tutto compreso e crociere. In generale, permette che un gran numero di viaggiatori viago una volta ad un destinazione determinata, relativamente breve, generalmente durante la stagione alta.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.