Home » Dossier » Speciale di TTC: Un’avventura gelata
Palmares-Varadero Gourmet

Speciale di TTC: Un’avventura gelata

Speciale di TTC: Un'avventura gelata

Foto: nsh87/123rf

Autore: F.Martin, Traduzione: Giselle Sarracino

Servizio TTC.- Il governo cinese stabilì una nuova lista di regole per i cittadini della Cina che visitino l’Antartide.

Le regolazioni annunciate nel giornale South China Morning Post a inizi dell’anno proibiscono la battuta di caccia, i residui solidi nel posto visitato o toccare o alimentare i pinguini.

La pubblicazione spiegò che l’estate scorsa un gigantesco iceberg separato da una delle maggiori piattaforme di ghiaccio galleggiante dell’Antartide provocò una sensazione di urgenza riguardo ai danni alla natura che sta soffrendo il continente.

Dovuto a quello, il governo cinese stabilì la nuova lista di regole per i cittadini che visitano l’Antartide, la quale offre un’avventura ineguagliabile ai turisti.

I cinesi in vacanze che inondano gradualmente il mondo perché sono tanto numerosi possono spassarsela nel Polo Meridionale, accampando nei ghiacciai, vedendo da vicino i pinguini, navigando in kayak attorno agli iceberg e partecipando a conferenze scientifiche internazionali.

Per un’avventura di tale grandezza il prezzo più basso nel mondo è di 5.000 dollari a testa. Così, si può visitare l’unico continente del mondo senza città o zone orarie.

E quell’avventura gelata è sempre più frequente nel turismo internazionale.

Secondo dati dell’Associazione Internazionale di Operatori Turistici Antartici, con sede in Rhode Island, Stati Uniti, il turismo nell’Antartide ha aumentato da circa 2.000 visitatori negli anni ‘80 fino a oltre 45.000 visitatori di tutto il mondo nel 2017.

Gli scienziati della Cina e altri paesi credono, tuttavia, che non importi quanto estraordinario sia un viaggio al continente ghiacciato, non si può ignorare i pericoli ambientali dovuti all’aumento del turismo. Gli specialisti pensano che l’Antartide sia un continente remoto e sempre più vulnerabile, i cui residenti principali sono ricercatori e il turismo massiccio ha un costo ambientale.

Le crociere che portano i viaggiatori fino alla fine del mondo, per esempio, trasportano agenti inquinanti dell’aria che possono devastare ancora più quella regione.

I funzionari dell’Amministrazione Antartide e dell’Artico, un’entità cinese, annunciarono per i suddetti motivi e per la prima volta il nuovo insieme di regole da seguire dai turisti, comprese nei compromessi dei paesi che firmarono il Trattato Internazionale Antartico.

Il numero di turisti cinesi all’Antartide è cresciuto significativamente negli ultimi anni, di 100 nel 2008 a 3,944 nel 2016. I turisti cinesi costituiscono già il secondo gruppo di visitatori, dopo gli statunitensi.

Compiere regolamenti di attenzione ambientale è già un’esigenza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.