Home » Dossier » Speciale TTC. Caraibi: Per i turisti un buon divertimento ed offerte culturali.
Palmares-Varadero Gourmet

Speciale TTC. Caraibi: Per i turisti un buon divertimento ed offerte culturali.

Speciale TTC. Caraibi: Per i turisti un buon divertimento ed offerte culturali.

Autore: F. Martin, Traduzione: Giselle Sarracino

I Caraibi sono sempre più importanti dovuto ai divertimenti che possono offrire ai turisti oltre alle culture nazionali.

Secondo gli esperti, i turisti che visitano le isole ogni anno stanno cambiando il suo obiettivo quasi assoluto prima di godere del mare ed il sole durante i suoi soggiorni, per informarsi sui temi culturali e sul patrimonio nazionale delle destinazioni.

Le autorità dell’industria regionale considerano che i turisti internazionali cercano sempre di più di conoscere forme di vivere differenti delle proprie.

E non trovano sempre ciò che cercano.

La cultura globale che si estende per tutto il mondo è sempre di più il risultato naturale di un mondo globalizzato, un processo complesso che non dovrebbe sterminare le abitudini nazionali di ogni nazione ed ogni isola.

In generale, il turismo nei Caraibi significa una clientela europea o nordamericana di classe media o alta che cerca forse vedere qualcosa di nuovo, e non lo stesso che può trovare a casa.

Anche le offerte culturali dei Caraibi sono, naturalmente, molto diverse e capaci di offrire molte novità ai visitatori, come balli autoctoni, costumi, differenti religioni ed altre forme di pensare.

Il termine cultura caraibica riassume gli elementi artistici, musicali, letterari, culinari e sociali che rappresentano le persone dei Caraibi in tutto il mondo.

La conquista britannica dei Caraibi in 1759 portò una gran popolazione anglofona e francofona sotto il dominio britannico, creando una necessità di compromesso ed alloggio, mentre la migrazione portò forti influenze britanniche, spagnole, francesi, africane e perfino olandesi.

Il turismo è un attivo culturale delle nazioni caraibiche e la loro essenza economica. Quella è l’opinione del ministro di turismo della Giamaica, Edmund Bartlett, che cerca di promuovere la crescita del turismo nel suo paese e nella regione dei Caraibi.

Bartlett spiegò i suoi punti di vista durante il Vertice di Resilienza Turistica delle Americhe due anni fa, che ebbe luogo nella Sede Regionale dell’Università di West Indie.

Ricerche recenti stimano che fino ad un 75% degli adulti che visitano la regione partecipano annualmente a qualche tipo di attività o evento culturale.

Le isole dei Caraibi sono ampiamente conosciute per la loro gran quantità di spezie ed erbe, le tecniche e piatti di preparazione di alimenti nativi, i numerosi frutti e cereali esotici, la loro musica, le forme di ballo, la loro lingua ed altri aspetti della loro esotica cultura.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.