Home » Turismo » Speciale TTC: Caraibi: Vamos a la playa!
Palmares-Varadero Gourmet

Speciale TTC: Caraibi: Vamos a la playa!

Servizio TTC -. “Le spiagge sono così attraenti perché le persone possono mostrare i loro corpi, siano belli o brutti, senza rimpianti, senza vergogna o senso di colpa”, mi ha detto sull’Isola Margarita, Venezuela, un anziano il quale, durante la sua vita ha trascorso molto del suo tempo libero passeggiando sulla sabbia.

“Vengo in spiaggia perché è il posto migliore dove stare”, ha assicurato, meno filosofica, una giovane a Varadero, Cuba. Ci devono essere tante opinioni quante spiagge, in particolare nei Caraibi, una regione basicamente di mare le cui maggiori bellezze, nonostante la crescente diversità delle opzioni, rimangono il blu cristallino del mare, la sabbia soffice e il sole.

Le coste dei Caraibi offrono molto in questo senso. Spiagge di sabbia bianca, nera e anche rosa, spiagge enormi piene di hotel, deserte, circondate da vegetazione, scogliere e persino città.

Si dice che a una certa ora del giorno e per effetto della luce in un luogo delle Bahamas chiamato Gold Rock Beach, si trova una spiaggia dalla sabbia morbida e ondulata bagnata da acque poco profonde di colore rosa. Un altro posto unico si trova sull’Isola della Gioventù, Cuba, la cui sabbia è nera.

La Blanquilla, Venezuela, è deserta come ogni paradiso che si rispetti. Solo la Guardia Costiera, alcuni asini selvatici e pochi pescatori passano per di lì. E voi con i vostri compagni di viaggio se, per esempio, la vostra crociera si ferma in questa località. Questa spiaggia è a circa 100 chilometri dall’Isla Margarita.

Altre spiagge segrete dei Caraibi, secondo una guida on-line sono la Smuggler’s Cove (Cala dei Contrabbandieri), Tortola, Isole Vergini Britanniche, Orchid Beach (Playa La Plata) a Vieques, Puerto Rico; Joe Grant Cay a Turks & Caicos e la pacifica Happy Bay di San Martin.

Sono troppe per essere menzionate tutte. E quel che è peggio, -o meglio per il turismo dei caraibi- nessuno cambierà mai Varadero per Punta Cana, Repubblica Dominicana. Ma se si è nella posizione inversa allora non si cambierà Punta Cana per Varadero.

Ed è che il turismo di sole e spiaggia è ancora il re del settore, almeno sul lato caraibico del mondo. La modalità è quella che attira più turisti in tutto il mondo. Si dice che le località di mare come siti turistici sono emerse nella città di Kent, nei pressi di Londra nel XVII secolo. Più tardi qualcuno ha scoperto che il mare e il sole assieme avevano proprietà curative.

Effetto che, nel corso degli anni e passeggiando su una qualsiasi spiaggia caraibica, probabilmente ha sperimentato “il turista ignoto”, che, a differenza del “Milite Ignoto” non possiede nemmeno un monumento.

Ma se lo meriterebbe. O almeno così credono le isole dei Caraibi, le cui destinazioni per il sole e la spiaggia sono le più belle del mondo. E probabilmente rimarranno tali per secoli.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.