Home » Dossier » Speciale di TTC: Le Regate nei Caraibi hanno bisogno di appoggio nel 2018
Palmares-Varadero Gourmet

Speciale di TTC: Le Regate nei Caraibi hanno bisogno di appoggio nel 2018

Speciale di TTC: Le Regate nei Caraibi hanno bisogno di appoggio nel 2018

Foto: Aleksej Orel/123rf

Autore: F. Martín, Traduzione: Giselle Sarracino

Secondo appelli di esperti, la stagione di regate nei Caraibi nel 2018 ha ancora bisogno d’appoggio e alito dopo gli intensi uragani che colpirono la regione nel 2017.

L’Associazione di barche a vela dei Caraibi, Caribbean Sailing Association, propose il suo calendario di eventi per quest’anno al quale ne aggiunse alcuni addizionali.

L’organizzazione assicurò nel sito web ufficiale che la maggioranza delle nazioni membra delle isole colpite dall’uragano Irma e da altri cicloni ha registrato e confermato la partecipazione alla stagione.

“Abbiamo fiducia in che le regate e gli eventi di navigazione si porteranno a termine senza interruzione, perfino nelle isole più gravemente colpite; i membri e amici della CSA stanno lavorando insieme a esse per aiutare nel processo di recupero”, aggiunse un comunicato.

Nonostante, l’entità chiese aiuto. Fece un appello a “fare doni e inviare aiuto ai bisognosi benché una delle cose più utili che possono farsi è proseguire con i piani di visitare le nostre coste, partecipare alle nostre regate e raccomandare agli amici e compagni di fare la stessa cosa”, sottolineò.

“Il turismo è il sangue vitale delle economie dei Caraibi e queste hanno bisogno dell’appoggio continuo per garantire che i più sofferenti si riprendano rapidamente”, chiese l’organizzazione.

Uno studio sul tema pubblicato su Internet considerò che molti hotel in St Barths, St Martín e le Isole Vergine chiusero per ristrutturazioni questa stagione. La maggioranza dei visitatori e partecipanti associati a questi eventi dovranno affittare a privati che serviranno come fonte importante di entrate per i governi di ogni isola.

La Regata St. Barths Bucket si porterà a termine come era stato annunciato, dal 15 al 18 marzo. Si aspettano 26 yacht quest’anno, una cifra che, tuttavia, è del 30% più bassa di quella raggiunta nel 2016.

Lo studio aggiunse che, con il 90% delle camere di hotel locali in St. Barths chiuse a causa delle ristrutturazioni, questo anno i cittadini ospiteranno la maggioranza delle squadre e patrocinatori, e rappresenteranno così un’importante fonte di entrate per il governo locale.

Generalmente, ogni anno le regate nei Caraibi attraggono turismo ed entrate alla regione.

Altre isole, come Porto Ricco, che di solito organizzano gare annuali con molta partecipazione del paesi dei Caraibi e degli Stati Uniti, affronta ancora una grave situazione dovuta agli uragani di 2017, mesi dopo l’impatto.

“CSA confida che le nostre regate ed eventi continueranno cosicché, per favore, continuate con i vostri piani di visitare questa stagione. Il sole splende ancora, l’acqua è ancora calda e gli alisei sono presenti” incoraggiò la presidentessa della CSA nella sua dichiarazione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.