Home » Dossier » Speciale TTC: “Toma chocolate”. Un’esperienza tutta caraibica
Palmares-Varadero Gourmet

Speciale TTC: “Toma chocolate”. Un’esperienza tutta caraibica

grenada-chocolate-company

Una canzone molto famosa del leggendario cantante Nat King Cole, cantata in spagnolo, diceva “Toma chocolate y paga lo que debe”. Ed è vero. Se si ordina del cioccolato nelle isole caraibiche (e in alcuni paesi dell’America centrale), naturalmente, dovrete pagare; ma in cambio riceverete uno dei migliori cioccolati al mondo. Le Indie Occidentali hanno, infatti, una lunga e ricca tradizione nella produzione di alcuni dei cioccolati più prestigiosi.

A tal proposito, è bene ricordare che a Santa Lucia, nel prossimo mese di agosto, gli amanti del cioccolato potranno condividere esperienze davvero indimenticabili. Sull’isola si terrà il Mese dell’Eredità del Cioccolato, con un ricco programma fatto di visite alle piantagioni, trattamenti esclusivi a base di cioccolato, menù speciali e altre offerte sorprendenti (all’interno di hotel e resort su tutta l’isola; con alcune soluzioni speciali per le coppie e famiglie, che potranno partecipare a degustazioni di cioccolato con un risparmio fino al 50% rispetto le normali tariffe).

L’eredità del cioccolato a Santa Lucia risale alla vecchia industria del cacao, fiorente nel XVIII secolo. Da allora il processo di produzione del cioccolato non è praticamente cambiato e ha consolidato la reputazione di Santa Lucia come produttore di cacao e cioccolato di prima qualità. Alberghi e resort si rivolgono ora al ricco patrimonio del cioccolato di Santa Lucia per creare nuovi servizi, avventure ed esperienze di turismo rurale per i visitatori.

Il cioccolato nero di Santa Lucia non è solo buono, ma pare faccia anche bene (si dice, infatti, che abbia una serie di importanti benefici per la salute; per il cuore e la circolazione, per l’ossigenazione della pelle e contro l’ansia). Tracey Warner-Arnold, vice direttore del Turismo dell’isola parla infatti di un vero e proprio “trattamento salutare” per tutti i viaggiatori che visiteranno Santa Lucia durante il mese dell’Eredità del Cioccolato”. Si può entrare nella cultura del cacao di Santa Lucia, conoscerla e gustarla, con escursioni nelle piantagioni, dove i visitatori possono apprendere il processo di produzione, dal chicco fino alla vendita. Altre esperienze sull’isola includono deliziose tradizioni locali come il tè di cacao, cucina creativa, e trattamenti spa che utilizzano proprio il cioccolato.

La tradizione del cacao e del cioccolato rappresenta un valore, e una tradizione, in tutta l’area caraibica. In Costa Rica le tribù indigene hanno utilizzato i semi di cacao come moneta per migliaia di anni, fino al 1930. Nel Paese la tribù dei Bribri venerava il chicco del cacao come elemento sacro. Attualmente esiste un tour che porta fino all’affascinante riserva indigena dei Bribri ai piedi delle montagne di Talamanca.

Per generazioni, i Bribri hanno coltivato piante di cacao e il loro prezioso frutto per i rituali, per l’alimentazione e come rimedio naturale. Durante il tour, è possibile scoprire tutte le storie e le tradizioni che legano questa tribù al prezioso cacao.

Il cacao ha avuto origine nelle Americhe. La coltivazione e la raccolta del cacao erano una grande industria in Costa Rica e in altre nazioni della regione, prima dell’introduzione del caffè (alla fine del 1700). Purtroppo, un fungo ha devastato le piantagioni di cacao della Costa Rica nel 1979; come conseguenza, la produzione si è drasticamente ridotta del 95%. Attualmente però, Cacao e cioccolato di produzione biologica stanno comunque recuperando terreno. Lo ha scritto Shannon Farley il blogger di viaggio per Encantador Costa Rica e Profimercadeo a San Josè, Costa Rica.

Un’altra “isola di cioccolato” è Granada dove la famosa Chocolate Company Grenada, produce su piccola scala alcuni dei migliori cioccolati noir del mondo. Il clima caldo e umido di Granada è ideale per la coltivazione del cacao. Il cioccolato è fortemente influenzato dalle variazioni di temperatura, anche le più lievi. E Grenada ha per certi versi la temperatura ideale. È quasi mitica, tra l’altro, la reputazione di Granada nel preservare l’intensità del sapore del cioccolato e tutta la sua complessità.

Si dice, fra l’altro, che il cioccolato (soprattutto quello caraibico), sia un afrodisiaco efficace. E se così davvero non fosse, è pur sempre possibile affermare che bere o mangiare il cioccolato è un’esperienza paragonabile a un orgasmo. Nell’area caraibica è possibile trovare e mangiare varietà di cioccolato aromatizzato (per esempio, con scorza di arancia biologica); ma anche eccellente cioccolato in polvere, cioccolato fondente, cioccolato artigianale, burro di cacao. Assolutamente da provare il cioccolato nero mescolato con pezzi di pancetta e anche la meravigliosa unione fra rum e cioccolato. Un godimento davvero infinito alla portata di tutti.

Nat King Cole aveva ragione: “Tome chocolate y pague lo que debe”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.